NEWS - Confagricoltura Costa Toscana V17

Vai ai contenuti

COMUNICATO STAMPA TECNICI IN “AULA” E IL DIRETTORE GENERALE TRA I RELATORI

Confagricoltura Costa Toscana V17
Pubblicato da in Costa Toscana · 20 Aprile 2020


Il Consorzio dimostra massima attenzione per le nuove metodologie di intervento rispettose dell’ambienteFabio Zappalorti(Direttore generale CB6e ANBI Toscana):“L’obiettivo che ci poniamo è quello di effettuare manutenzioni sempre più attente all’habitat fluviale. Un modus operandi che è ormai condiviso da tutto il sistema della bonifica toscana e avvallato dalla Regione che, con apposita delibera, ha impartito indirizzi precisi in questa direzione”Fabio Bellacchi (Presidente CB6): “Ringrazio l’Università di Firenze per la preziosa iniziativa e per averla attivata nonostante l’emergenza sanitaria. Anche il nostro Consorzio continua il suo lavoro, perché sicurezza idraulica e irrigazione restano delle priorità non rinviabili”
E’ partito da pochi giorni e proseguirà fino alla fine del mese di maggio il corso di formazione  professionale  e specializzazione  dedicatoalla  gestione  della vegetazione  lungo  i  corsi  d’acqua,  volutodal  Dipartimentodi  Scienze  e Tecnologie Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali dell’Università di Firenze e organizzatodal professor Federico Preti in collaborazione con il dottor Alessandro Errico:  un  corso in  cui  il  Consorzio  6  Toscana  Sud si  è  ritagliatoun  ruolo importante.
In aula (naturalmente virtuale complice la pandemia) i tecnici;in cattedra(anche questa virtuale), tra gli altri, anche Fabio Zappalorti, nel duplice ruolo di Direttore Generale del Consorzio e di ANBI Toscana, partner dell’iniziativa formativa.“Il tangibile segno dell’evidente sensibilità mostrata dal Consorzio e dall’intero sistema  della  bonifica  per  la  ricerca  di  modalità  di intervento  sempre  meno invasive”, spiega Zappalorti, anche rispondendo con fatti concreti alle polemiche che, di tanto in tanto, si accendono sul territorio.“Per  noiè  strategico  individuare  nuove  metodologie  di  intervento,  capaci  di coniugare  le  necessità  della  difesa  del  suolo  e  della  mitigazione  del  rischio idraulico  con  il  rispetto  e  la  tutela  degli  habitat  naturali.
Un  modus  operandi promosso e voluto anche dalla Regione Toscana che,con un’apposita delibera,ha recepito e tradotto in indirizzi operativi queste necessità”“Ringrazio il professor Federico Preti per aver organizzato il corso con modalità on line -modalità che dovrà essere sempre più utilizzata in futuro-senza farsi “fermare”  dal  virus  che  rende  questo  momento  particolarmente  difficile”, commenta il Presidente del CB6 Fabio Bellacchi. “Ci tengo a precisare che anche il lavoro dei Consorzi va avanti nonostante l’emergenza: perché irrigazione e sicurezza idraulica non sono rinviabili”.





© 2017 Tutti i Diritti Riservati
+39 0564 438601

Web Developer Orsola Vigorito
Torna ai contenuti